Biografia

Selim Abdullah, * 13.5.1950 Bagdad. Compiuta la formazione presso l’Istituto di belle arti di Baghdad, nel 1975 Selim Abdullah si trasferisce a Firenze per frequentare l’Accademia di belle arti, diplomandosi in scultura nel 1979. In Toscana si svolgono le prime mostre personali. Dal 1981 vive nel cantone Ticino con studio a Besazio, nel Mendrisiotto. Nel 1989 soggiorna a Parigi alla Cité internationale des arts. Partecipa a varie mostre collettive e personali in gallerie e musei di diverse città svizzere ed europee. Sue personali si tengono, tra l’altro, al Museo Epper di Ascona (1991),al Palazzo dei Diamanti di Ferrara (1992),a Castelgrande di Bellinzona (1993),al Cinema Teatro di Chiasso (2001),a Villa Rufolo a Ravello (2002) e al Centro culturale svizzero di Milano (2004). Un’importante retrospettiva è allestita nel Museo d’arte di Mendrisio nel 2003. Oltre a sculture di media e piccola dimensione, l’artista realizza opere a carattere monumentale di pubblica fruizione, tra l’altro a Bellinzona (Figura, gabbia e mappamondo, 1999) e a Chiasso (cinque figure bronzee, 2005).

La formazione del giovane Selim si svolge nel segno della scultura classica. Con l’arrivo a Firenze lo scultore assimila in particolare la lezione del Rinascimento toscano, per poi guardare ai maestri moderni (Auguste Rodin, Emile-Antoine Bourdelle, Medardo Rosso, Umberto Boccioni, Alberto Giacometti). Al centro della sua ricerca si pongono la figura o il gruppo di figure visti in una sintesi di monumentalità e fragilità, quali vittime della storia, immagini di una memoria recente e nello stesso tempo molto antica (Spoglie d’Oriente). La materia registra dolori millenari: corpi agglutinati, feriti, compressi, attorcigliati, ingabbiati nella loro estrema solitudine o solidarietà. Riferimenti alla cultura d’origine dell’artista si manifestano nel dialogo costruttivo-narrativo tra le figure e lo spazio che nel corso degli anni si articola maggiormente sviluppando strutture più aperte, leggere e complesse. Nel ciclo di opere Corpi e sillabe (2002-03) il silenzio di quel dolore millenario è contrastato dall’introduzione di sillabe dell’alfabeto arabo, come preghiere a cui si aggrappano le vittime. Nelle composizioni intitolate Attraversamenti (2001-04),le figure sono ridotte a folle di esili relitti umani che vagano su vascelli sospesi tramite uno stelo sopra la piattaforma di base, che prende ora corpo in terracotta, come mare-territorio dopo una catastrofe, quando sulla terra cruda riemergono forme naturali e si rivelano segni ed impronte, in un’associazione di proporzioni e tecniche diverse che separatamente da sempre hanno accompagnato Selim (bronzo e terracotta, scultura, incisione e disegno). Nel suo lavoro ha infatti un posto importante anche l’attività grafica, che spazia dal disegno all’incisione, alle tecniche miste. Sulla superficie del foglio le figure emergono nel vuoto, dapprima ripiegate su se stesse, in una concentrata solitudine, espressa nel condensarsi di ombre e cancellature. La cifra del segno vibrante, che morde anche il rame, si muove quindi su tutta la superficie intessendo dialoghi di corpi e luce simili ad arazzi evanescenti.

Opere: Bellinzona, Museo Villa dei Cedri; Bellinzona, piazza Rinaldo Simen; Chiasso, Collezione d’arte del Comune; Chiasso, corso San Gottardo; Chiasso, piazza Indipendenza; Lugano, Museo civico di belle arti; Mendrisio, Museo d’arte.

Marcella Snider Salazar, 2006

 

Link:

https://selimabdullah.com/selim-abdullah-biografia/

https://www.google.com/search?q=abdullah+selim+scultore&tbm=isch&ved=2ahUKEwjXt7XNl87lAhWHirQKHRZHAIMQ2-cCegQIABAA&oq=abdullah+selim+scultore&gs_l=img.3...5367.8592..9032...0.0..0.97.811.9......0....1..gws-wiz-img.......0i30j0i8i30.fCMsDu3mVhk&ei=CNu-XdeTGoeV0gWWjoGYCA&bih=731&biw=1344

https://www.google.com/search?q=abdullah+selim+artista&tbm=isch&ved=2ahUKEwiv8ZjSl87lAhXLBFAKHdBdDJUQ2-cCegQIABAA&oq=abdullah+selim+artista&gs_l=img.3..0i8i30.28950.32517..32913...0.0..0.103.1311.13j2......0....1..gws-wiz-img.hfBNcuPFgZw&ei=Etu-Xa-gG8uJwALQu7GoCQ&bih=731&biw=1344 

https://www.silvanaeditoriale.it/libro/9788882153526

https://www.palazzopollini.com/tag/selim-abdullah/

 


Fotografie di ABDULLAH Selim

  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC

© 1999 - 2020 Art Gallery L'UOVO DI LUC | Spazio Arte Mappale 249 | Via Virano | 6814 Cadempino