Biografia

Claudio Baccalà, * 4.9.1923 Incella-Brissago, † 9.12.2007 Locarno. Nato in una comunità lacustre e rurale, fin da ragazzo fa vita contadina e pastorale sotto la vetta del Ghiridone: queste esperienze e questi paesaggi, sullo specchio del Lago Maggiore, lo segneranno fortemente sul piano sia biografico che pittorico. Frequenta le scuole a Brissago. Nel 1946 si trasferisce per lavoro a Pratteln (BL),poi a Zurigo, dove nel 1947 inizia a dipingere da autodidatta. Fondamentale si rivela l’incontro, nel 1949, con Jean Dubuffet, che si interessa alla sua produzione e gli procura i primi contatti con Parigi e Bruxelles: ha così modo di conoscere gli ambienti intellettuali e artistici delle due città, e di avvicinarsi al gruppo Cobra, in particolare a Asger Jorn. Nel 1950 torna in Ticino; nel 1951 tiene la prima personale alla Galerie Hutter di Basilea. Provvede quindi al restauro del Tecett, il complesso di rustici secenteschi a Piazza di Brissago che diventeranno la sua casa-atelier. Sono anni di intensa attività anche artistica durante i quali espone in gallerie e musei svizzeri, francesi e tedeschi, tra cui la Galerie Rive Gauche di Parigi. Verso la fine degli anni ‘60 la sua pittura conosce un ripensamento, cui si accompagna un rallentamento del ritmo espositivo. Nel 1973 ottiene il Premio per la pittura alla 1. Biennale der Schweizer KunstStadt in der Schweiz, organizzata dalla Società pittori scultori architetti svizzeri al Kunsthaus di Zurigo; nel 1977 tiene un’importante antologica all’abbazia di Bellelay e nel 1997 alla Pinacoteca comunale Casa Rusca a Locarno.

La pittura di Claudio Baccalà suscita l’interesse Jean Dubuffet per la sua spontaneità non colta né convenzionale, lontana dagli stereotipi della pittura «naive» e più prossima, invece, alle istanze dell'art brut. L’artista dà forma a un mondo immaginario e fabulistico – caratterizzato da forti contrasti coloristici e disarticolazioni spazio-temporali – che diventerà poi costitutivo della sua pittura, pur nelle diversificazioni che ne scandiscono il percorso. La prima svolta nell’iter pittorico di Baccalà avviene sul finire degli anni ’50 ed è determinata da uno spostamento verso il linguaggio informale e l’ispessimento delle paste (altro elemento che si rivelerà essenziale); l’immagine, ancora leggibile, si fa più unitaria, a tutto campo, con animali ed uomini che rinviano a un mondo primordiale. La successiva svolta, un decennio più tardi, segna la definitiva messa a fuoco della poetica dell’artista, sia nei soggetti che nel loro peculiare linguaggio, contraddistinto da colori accesi e caleidoscopici, forme allusive e semplificate, spazi plurimi e immaginari, tra cielo e terra, dove gli evidenti richiami naturalistici (l’albero, il serpente, la nuvola o la testa) si contaminano e si risolvono in soluzioni fantastiche dalle implicite connotazioni arcaiche e sacrali. Riattingendo alle esperienze più profonde, legate soprattutto all’infanzia e alla cultura popolare, Baccalà focalizza una sua ristretta iconografia totemica e simbolica, non di rado nelle forme del mandala, che rinvia agli archetipi dell’aria, dell’acqua, della terra e del sole, dell’albero e delle stagioni, dello spazio e del tempo, del finito e infinito. Quella che Baccalà mette in scena è una antica cosmografia visionaria e totalizzante, risolta in modulazioni linguistiche che richiamano anche certe pitture a tacche degli aborigeni d’Oceania. Ne deriva lo sfondamento su un tempo lontano e primordiale, dove uomo e natura ancora dialogano e si confrontano, dove la poesia dei colori e delle forme vuole essere auspicio di un rinnovato e perenne specchiamento dell’uomo con la natura.

Opere: Brissago, Sala municipale del Comune di Brissago; Bruxelles, Musée d’art moderne; Locarno, Pinacoteca comunale Casa Rusca.

Claudio Guarda, 2007

 

Link:

 

https://www.google.com/search?q=baccala+claudio+artista&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwjEq6Oip7fgAhXrlYsKHTQaAx4Q_AUIDigB&biw=1330&bih=718

http://www.comunicarecome.it/_Retrospettiva_di_Claudio_Baccala'__artista_ticinese__Brissago.htm

http://www.lacolomba.ch/artisti-del-900/mostra-claudio-baccala/

https://www.pyrrhura.ch/base/baccala/index.html

 

 


Fotografie di BACCALÀ Claudio

© 1999 - 2019 Art Gallery L'UOVO DI LUC | Spazio Arte Mappale 249 | Via Virano | 6814 Cadempino