Biografia

Luciano Gatti, * 21 08.1933 Fornovo Taro (Parma, Italia),  † 2.10.2020 Massagno (Svizzera). Pittore, scultore e poeta nato a Fornovo Taro, Parma. Dopo un soggiorno in Francia, nel 1962 arriva a Lugano dove apre un atelier di restauro. Si dedica alla pittura e alla scultura esponendo in Svizzera ed in Italia a partire dalla metà degli anni settanta. In quel periodo appaiono anche le sue prime raccolte di poesie. Com'era verde, 1977, ed. Club degli Autori, Milano; Per poche parole, 1978, ed. Club degli Autori, Milano; Controtempo, 1979, ed. Club degli Autori, Milano; Calendario senza giorni, 1980, ed. Pan-Arte, Firenze; Quattro temi in contest-color, 1982, ed. Casalini, Sorengo; Infratensioni, 1984, ed. Club degli Autori, Milano; Andante prudente, 1986, ed. Club degli Autori, Milano; Assoluto ancora, 1988, ed. Lalli, Poggibonsi; Quasi certo, 1990, ed. Lalli, Poggibonsi; Disordine della parola, 1992, ed. Ibiskos, Empoli; Indice successivo, 2003, Collana  I gigli, ed. Montedit, Melegnano; Epilogo senza  ritorno, 2013, ed. l'Ulivo, Balerna.

 

"Indice successivo" è una raccolta di poesie/frammento di un artista- poeta che cerca coraggiosamente di mettere ordine nella mente stipata di pensieri e dare risposte, genuine e fedeli, agli innumerevoli quesiti che la vita pone davanti giorno dopo giorno.

L'azione di Luciano Gatti trova la sua validità nell'operazione che conduce a questa continua frammentazione della materia poetica e la capacità sta nel saper conciliare la sua visione esistenziale con l'esternazione poetica e nel riuscire ad amalgamare una violenta urgenza creativa con le esperienze del proprio vissuto: le sue parole suggeriscono diversi piani d'intervento, a volte da decodificarsi altre volte da leggersi candidamente, ed è così che il magma dei pensieri diventa autonomo, solido ed originale. V'è da dire come le fonti dell'ispirazione costante sono ossessive e sempre legate in modo indissolubile alla soggettività dell'Autore: frequenti i rimandi e i ritorni su determinate parole chiave che costellano l'intera silloge (vedere ad esempio: rito moderno/rito assopito, ritaglio quotidiano, silenzio/ombra, mendico predetto, l'attesa la continua attesa ossessiva del commiato e la sentenza ripetuta più volte del tutto è ammesso). Occorre dire che il suo discorso non rimane però chiuso o soffocato nell'involucro di queste numerose parole reiterate quasi a rifugio esclusivo ma fuoriesce grazie alla voglia di comunicare ed instaurare un rapporto/dialogo col mondo: necessità inderogabile per tenere viva la parola altrimenti sepolta nella polvere del proprio Io. L'irrequietezza, la malinconia e la pena (indubbiamente la pena più che la noia come scrive egli stesso) umanamente comprensibili sono tuttavia appena sussurrate con voce sommessa e dolente da parte di un artista che getta alle spalle le ansie disseminate, le ombre indecifrate e i frammenti dell'incredibile prisma della vita. Ed è allora che la poesia si fa itinerario umano di un invincibile navigante sempre atteso dalla solitudine, sempre atteso dal domani: urgente è captare le innumerevoli occasioni delle percezioni da cogliere al volo, lasciare libera e aperta la mente.

La poesia di Luciano Gatti è in definitiva un incessante pensiero interrotto, una sommessa condanna a vivere per non appassire, una definizione estrema di quell'incanto irripetibile del frammento filtrato attraverso la ricerca personale, l'eterna illusione nel gioco delle ripetizioni, l'ammissione della consapevolezza che ognuno porta con sé il proprio destino. L'interrogazione obbligata nella direzione della frammentazione dei pensieri e delle memorie lascia tracce tra incanto e disincanto, fragilità e violenza, slancio vitale e malinconia raccolta: un senso di inquietudine esistenziale che fomenta la distanza del poeta dalla banalità quotidiana.

Massimo Barile

 

Un artista delle ombre umane senza "finestre"

Luciano Gatti, raffinato e colto pittore dalle figure umane cariche di luci e di colori; figure in cammino, senza volto, «finestre»di comunicazione, ma anche gruppi  in movimento alla ricerca ansiosa di poter comunicare con gli umani, in una società individualistica come lo è la nostra, dove la persona conta non per ciò che è, ma per ciò che produce. Gatti ha radiografato a 360 gradi il nostro tempo in cui non c’è spazio per i rapporti interpersonali.

Viviamo, camminando per strada gli uni accanto all'altro, anonimi, senza neppure  augurarsi il «buon giorno» e la «buona sera». Sì, viviamo a anonimi inquilini in palazzoni di cemento o di vetro, chiusi ermeticamente a riccio dentro il nostro ego, senza neppure conoscere il nostro vicino della porta accanto, ignorando che costui esiste, che ha bisogno di attenzioni, magari solo di un sorriso, di un gesto gentile o di una buona parola; di sentirsi accettato, a accolto e ascoltato. Ha bisogno di qualcuno che lo strappi  dall'anonimato, dalla tetra sua solitudine che uccide l’anima e il corpo. La nostra indifferenza  verso l’Altro non ci consente di capire che, nella vita, non possiamo camminare da soli. Anche per noi, eterni gaudenti, ci sono inevitabilmente dei «momenti» in cui il  il sole si oscura. Ed è proprio in questi momenti che si provano emozioni forti e, perché no, contrastanti, ci si sente soli…

Ammirando le opere a pastello e sprazzi di colore di Luciano Gatti che, nella loro simbologia della figura umana, si presentano nell'impossibilità di comunicare con l’esterno, protesi in ansiosa e tormentata a scesa di riuscire a frantumare lo specchio di un’umanità fredda, scottante, chiusa egoisticamente in se stessa.
Sì,  figure umane espressive e accattivanti, e pure altrettanto espressivi i titoli che Luciano Gatti volle dare alle sue creazioni artistiche:. Ad esempio: «Costrizione»Essere solo», «Amanti soli» Tre figure ,«La Luce», «Uomo solo», «Adesso parto» Qui l’artista pittore – scultore intinge il pennello, modula la grezza materia dandole  forma e colore, cogliendo i sentimenti più reconditi che covano dentro l’inconscio dell’animo umano, facendoli emergere tra ombre e chiaro – scuro.


Luciano Gatti ha lavorato inizialmente in Italia dove ha esposto in mostre personali e collettive e dal 1962 in Ticino. Suoi lavori si trovano in diverse località del Cantone e della Svizzera.  Ma Luciano Gatti non è solo pittore  e grafico è anche poeta. Le sue prose rispecchiano la nobiltà del suo animo, catturano e comunicano visioni nell'animo stesso dell’adesione perfetta tra la sua essenza di poeta: il mondo e le cose che lo circondano. E lo fa con uno spiccato senso di velata nostalgica, direi, malinconia leopardiana, come, per esempio nella sua ultima raccolta poetica dal titolo:
«Epilogo senza ritorno» (Edizioni l’Ulivo, Balerna  (2013): il tempo che inesorabilmente fugge come un ladro nella notte, «la luce di fuoco brucia in un sorriso di spada l’epilogo senza ritorno» (p.29)*

 

Link:

https://www.google.com/search?q=luciano+gatti+artista&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwiAjK6fm_bgAhU2wsQBHduUAacQ_AUIDigB&biw=1344&bih=682

https://uovodiluc.ch/mostra-pubblico-1018.html

http://www.club.it/autori/effettivi/e-l/luciano.gatti/indice-i.html

http://www.villatora.ch/critica.html

https://www.tio.ch/agenda/286495/festa-grande-e-arte-una-tradizione-che-si-rinnova

https://www.laregione.ch/cantone/luganese/1466003/addio-a-luciano-gatti-poeta-musicista-e-pittore

https://www.pressreader.com/switzerland/l-osservatore/20201010/281530818488621

https://www.pressreader.com/switzerland/laregione/20201006/281883005798675

 

 

È stato Direttore della Corale di Massagno (ex Corale S.Lucia) per oltre vent'anni e contrabbassista nell'Orchestra Mandolinistica di Lugano (OML),nel periodo dove l'amico Mauro Pacchin era Direttore: 

 

https://www.youtube.com/watch?v=RXSFxIYQb6w

https://www.youtube.com/watch?v=bDk03gWaHBg

https://www.youtube.com/watch?v=R2Op761_23A

https://www.youtube.com/watch?v=RhbSGSXAdgQ

https://oml.ch/gallery/

 

Luce raccolta 

Anni di luce raccolta,

forse magica

e subito s'inchina il giorno.

Torna un'altra stagione

desiderata in silenzio

nell'ombra confusa;

un'anima forse spera,

poi appaga l'attesa

il gesto, uno slancio

nel chiaro respiro

a confondere

la tavolozza autunnale,

raccolte mani a cercare

spazio per posare un sogno

... ancora per essere.

Luciano Gatti


Fotografie di GATTI Luciano

05.03.2020 a Vezia con Jean Marc Bühler e Giuliano Togni12.09.2015 - Giuria Artisti in Erba a Breganzona. Da sinistra: Jean Marc Bühler, Luciano Gatti, Adriano Crivelli, Emilio Rissone e Luciano Carazzetti.A Breganzona, in casa dell'artista Jean Marc Bühler e gli amici Luciano Gatti, Adriano Crivelli, Michele Bühler, Rudi Walter e Luciano CarazzettiBesso, fuori dall'atelier di Luciano Gatti con Rudi Walter12.03.2006 - Il suo atelier.14.08.2019 - L'artista Luciano Gatti nel suo atelier di Besso con Giuliano Togni 14.08.2019 - L'atelier di Luciano Gatti a Besso 14.08.2019 - L'atelier di Luciano Gatti a Besso 14.08.2019 - L'artista Luciano Gatti nel suo atelier di Besso con Giuliano Togni Orchestra OML: nel centro e in alto il contrabbassista Luciano Gatti.09.06.2013, Agriturismo La Sorgente a Cassano Valcuvia (da Giorgio). Pranzo con gli artisti. Vincenzino Vanetti, Gianni Realini e Luciano Carazzetti09.06.2013, Agriturismo La Sorgente a Cassano Valcuvia (da Giorgio). Pranzo con gli artisti Gianni Realini, Luciano Gatti, Emilio Rissone, Adriano Crivelli e Giuliano Togni09.06.2013, Agriturismo La Sorgente a Cassano Valcuvia09.06.2013, Agriturismo La Sorgente a Cassano Valcuvia, Giuliano Togni, Adriano Crivelli e Jean Marc Bühler 09.06.2013, Agriturismo La Sorgente a Cassano Valcuvia (da Giorgio). Pranzo con gli artisti Gianni Realini, Luciano Gatti, Emilio Rissone, Adriano Crivelli, Jean Marc Bühler, Vincenzino Vanetti, Giuliano Togni e l'amico Luciano Carazzetti09.06.2013, Agriturismo La Sorgente a Cassano Valcuvia24.08.2016 - Lavena Ponte Tresa, pranzo del gruppo amici artisti.24.08.2016 - Lavena Ponte Tresa, pranzo del gruppo amici artisti.24.08.2016 - Lavena Ponte Tresa, pranzo del gruppo amici artisti. Giuliano Togni, Emilio Rissone, Vincenzino Vanetti, Adriano Crivelli, Luciano Gatti, Jean Marc Bühler, Gianni Realini e l'amico Luciano Carazzetti24.08.2016 - Lavena Ponte Tresa, pranzo del gruppo amici artisti.24.08.2016 - Lavena Ponte Tresa12.09.2015 - Giuria Artisti in Erba a Breganzona. Da sinistra: Emilio Rissone, Adriano Crivelli, Luciano Gatti e Rudi Walter12.09.2015 - Giuria Artisti in Erba a Breganzona. Luciano Gatti con Jean Marc Bühler.10.09.2005 - Breganzona, Emilio Rissone, Luciano Gatti, Rudi Walter10.09.2005 - Breganzona
10.09.2005 - a Breganzona con Emilio Rissone12.07.2007 - Osteria del Portico a Vernate12.07.2007 - Osteria del Portico a Vernate con Marjan Carazzetti12.07.2007 - Osteria del Portico a Vernate - Luciano Gatti omaggiato con un'opera dell'artista Jean Marc Bühler21.06.2008 - alla mostra di Jean Marc Bühler all' Uovo di Luc a Cadempino21.06.2008 - alla mostra di Jean Marc Bühler all'Uovo di Luc a Cadempino21.06.2008 - alla mostra di Jean Marc Bühler all'Uovo di Luc a Cadempino21.06.2008 - alla mostra di Jean Marc Bühler all'Uovo di Luc a Cadempino21.06.2008 - mostra di Jean Marc Bühler all'Uovo di Luc a Cadempino. Luciano Gatti insieme a Mauro Pacchin e Nicola Bühler, direttori d'orchestra OML.Catalogo Mostra Luciano Gatti a ViglioLuciano Gatti a ViglioLuciano Gatti a Cadempino11.09.2018 a Vezia nell'osteria Riva.11.09.2018 a Vezia nell' osteria Riva11.09.2018 - a Cadempino insieme a Jean Marc Bühler e Luciano Carazzetti11.09.2018 - a Cadempino insieme a Jean Marc Bühler e Luciano Carazzetti11.09.2018 - a Cadempino insieme a Jean Marc Bühler e Luciano Carazzetti
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC

© 1999 - 2021 Art Gallery L'UOVO DI LUC | Spazio Arte Mappale 249 | Via Virano | 6814 Cadempino