Biografia

Mario Matasci, enologo per destino, collezionista per caso. Nato a Tenero il 23 settembre 1931, ha fatto dell'arte una passione che ha affiancato a quello della sua attività di enologo nell'azienda di famiglia, produttrice di vini. Dalla prima mostra nel 1968 nelle cantine di Villa Jelmini, alla Galleria fino al Deposito di Riazzino che oggi ospita ed espone a rotazione le oltre trecento opere della sua collezione e accoglie i visitatori in uno spazio dotato di 10mila volumi d'arte, aperto a tutti, Matasci si racconta attraverso le opere dei suoi pittori: da Francese a Doberzanski, da Zoran Music a Käthe Kollwitz da Johannes Schürch a Louis Soutter, da Morlotti a Varlin. Nomi importanti, ma soprattutto quadri autentici, come ribadisce il collezionista e mecenate originario di Sonogno, che ha deciso di rendere accessibile al pubblico il suo patrimonio artistico attraverso la creazione della Fondazione Matasci per l'arte. Un incontro avvenuto visitando la mostra di Zoran Music e quella collettiva dedicata alla guerra e al racconto che ne hanno fatto gli artisti della collezione.

La quarantennale, appassionante attività di Mario Matasci nel campo dell'Arte ha dato vita ad un centinaio di mostre di pittura, scultura e fotografia che hanno indagato soprattutto il linguaggio informale-espressionista, spaziando liberamente nell'area latina (Norditalia e Ticino) - con artisti quali Franco Francese, Ennio Morlotti, Alfredo Chighine, Piero Ruggeri, Gianriccardo Piccoli, Cesare Lucchini, Tino Repetto, Edmondo Dobrzanski, - e in quella nordica (Svizzera tedesca e Germania) con artisti del calibro di Käthe Kollwitz, Otto Dix, Varlin, Louis Soutter, Marianne Werefkin, Johannes Robert Schürch, solo per fare alcuni nomi. Con il tempo si è venuta a creare un'importante collezione che da qualche anno ha trovato la sua sede presso il "Deposito", ubicato nella campagna di Riazzino. Questo spazio dispone anche di una fornita biblioteca di libri d'arte consultabile liberamente. Nel mese di maggio 2010 è stata costituita la Fondazione Matasci per l'Arte, il cui scopo è di custodire, curare e rendere accessibile al pubblico la raccolta di opere d'Arte della Collezione Matasci.

La Fondazione Matasci racconta 50 anni d'arte
di GIÒ REZZONICO, il Caffé, 24.03.2019

Cinquant’anni della mia vita passati a cercare di documentare una seppur minima parte della storia dell’arte ticinese e lombarda del ‘mio’ secolo, operando unicamente tra quegli artisti la cui opera ‘consuonasse’ a un ‘certo’ sentimento dell’arte. Rispettoso di ogni altra linea di ricerca o sperimentazione artistica ma libero di fare solo ciò in cui credo, indipendentemente dalla necessità di promuovere e di dover rendere conto. Lontano però anche dalle mode o dalle esigenze del mercato. Ne è valsa la pena? Ai posteri…".
Con questa sorta di testamento artistico Mario Matasci presenta la sua nuova esposizione che sottolinea cinquant’anni di attività. Quanto alla domanda se ne sia valsa la pena ben gli risponde lo storico dell’arte Claudio Guarda, che tanto gli è stato vicino in questi anni di intenso lavoro. "So - scrive Guarda in un prologo alla nuova mostra - quanto gli si debba per la dedizione con cui ha operato in questi ultimi cinquant’anni di sua vita. Un’idea che è evoluta nel tempo e che oggi si concretizza in una Fondazione diventata testimonianza importante, direi unica, della storia artistica di questo Paese - da intendersi in senso allargato di territorio della mente e dello spirito - e bene pubblico appartenente all’intera comunità". Sì, perché Mario Matasci ha deciso di affidare la sua nutrita collezione alla Fondazione Matasci per l’Arte con sede nel cosiddetto Deposito a Cugnasco-Gerra, un’ex fabbrica trasformata con incredibile gusto in un museo, situato in piena campagna, lontano dai frastuoni della vita moderna. Con questa donazione Matasci garantisce che il suo lavoro, frutto di scelte personali e coerenti, rimarrà per sempre a disposizione degli amanti dell’arte. La Fondazione, accoglie, conserva ed espone a rotazione un migliaio di opere attribuite a un centinaio di artisti, che per la maggior parte Mario Matasci ha esposto in questo mezzo secolo di attività. Preziosa anche la biblioteca, dotata di circa 10 mila volumi di storia dell’arte, aperta al pubblico, così come il ‘museo’, la domenica pomeriggio dalle 14 alle 17 con la presenza del collezionista.
La mostra del cinquantesimo, che si inaugura oggi, domenica, è stata realizzata in collaborazione con le biblioteche cantonali di Bellinzona e di Locarno e propone un interessante approfondimento sull’intreccio tra letteratura classica, traduzione letteraria e trasposizione artistica. Lo spunto è costituito dalla traduzione di alcuni passi del "De rerum natura" dello scrittore romano Tito Lucrezio Caro, resi da Giorgio Orelli, uno dei maggiori poeti di lingua italiana del Novecento. Da questi testi hanno tratto ispirazione gli artisti Italo Valenti ed Enrico Della Torre (una selezione di queste opere è esposta alla biblioteca di Bellinzona).

 

Link:

https://issuu.com/illustrazione/docs/it_12_15/18

https://www.rsi.ch/rete-due/programmi/cultura/laser/Incontro-con-Mario-Matasci-10078457.html

https://martebenicult.wordpress.com/2016/10/09/conversazione-col-collezionista-ticinese-mario-matasci/

https://www.matasci-vini.ch/de/matasci-arte/

https://m4.ti.ch/fileadmin/DECS/DCSU/AC/OSSERVATORIO/agenda/data/sioc2009/files/doc/4844_Matasci_Cooperazione.pdf

https://www.laregione.ch/culture/arte/1344547/umano-segno-del-vivere

https://www.amicidelticino.ch/aktivitaten/50jahriges-jubilaum-fur-die-galerie-matasci

http://www.dximagazine.com/2015/08/10/mario-matasci-una-vida-consagrada-al-arte/

 

 

 

 


Fotografie di MATASCI Mario

A Riazzino, Mario Matasci presso la Fondazione Matasci con Luciano Carazzettti, 19 maggio 2019A Riazzino, Mario Matasci presso la Fondazione Matasci con Luciano Carazzettti, 19 maggio 2019La gatta 'Macchia' di Mario Matasci a RiazzinoA Riazzino, Mario Matasci presso la Fondazione Matasci con Luciano Carazzettti, 19 maggio 2019A Riazzino, Mario Matasci presso la Fondazione Matasci con Luciano Carazzettti, 19 maggio 2019Mario Matasci, 19 maggio 2019
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC

© 1999 - 2019 Art Gallery L'UOVO DI LUC | Spazio Arte Mappale 249 | Via Virano | 6814 Cadempino