Biografia

Aquilino Nizzola, detto Bruno, * 5.4.1890 Loco, † 31.1.1963 Locarno, nel 1893 si trasferisce con la famiglia dalla Valle Onsernone a Locarno. Apprende il mestiere di falegname (1904-06),poi segue il tirocinio d’imbianchino, perfezionandosi nella decorazione pittorica. Parallelamente frequenta un corso serale tenuto da Giacomo Mariotti alla scuola di disegno di Locarno. Nel 1921 e nel 1929 ottiene una borsa di studio della Confederazione, che tra il 1921 e il 1962 acquista otto suoi dipinti. Nel 1922 incontra lo scultore Max Uehlinger, con cui sviluppa un’intensa amicizia e intraprende viaggi di studio a Parigi, in Svizzera e Italia. Si specializza nel restauro di affreschi sotto la guida di Edoardo Berta, con cui collabora negli anni 1925-27 al ripristino del Castello Visconteo di Locarno. In sodalizio con Emilio Maccagni, Attilio Balmelli e Pompeo Maino, si dedica al restauro e alla decorazione di case private e chiese nel Locarnese. Nel corso del tempo la sua produzione si estende anche alla caricatura (ritratti dei partecipanti al Patto di Locarno, 1925),alla xilografia, alla grafica pubblicitaria, all’illustrazione di libri e ai trasparenti. Attivo pure nell’arte musiva, realizza vari mosaici su commissione privata. Nel 1925 fonda la Società degli artisti locarnesi. Nel 1929 è tra gli organizzatori della mostra postuma dedicata al pittore locarnese Filippo Franzoni, cui guarda con ammirazione. Dal 1936 è membro della SPSAS. Nel 1941 vince il primo premio al Salon del Kunstmuseum di Lucerna con il mosaico Pietà. Invia regolarmente opere alle esposizioni annuali della Società delle belle arti di Lugano, alle Esposizioni nazionali e alle Turnus. In vita tiene soltanto due mostre personali: nel 1948 a Locarno e nel 1962 a Svitto. Il poeta e scrittore Angelo Casè, che gli è vicino negli ultimi anni, gli dedica il racconto Bruno Nizzola, il pittore di Via Monteguzzo, presentato in occasione della mostra postuma del 1967 a Locarno. Seguono le monografie di Virgilio Gilardoni (1969) e di Angelo Casè (1983),che accompagna la retrospettiva tenutasi quell’anno a Locarno.

Già prima dei vent’anni Nizzola esegue da autodidatta dipinti di paesaggio e fiori dal timbro artigianale e naturalistico. Mentre le opere giovanili risultano più legate alla linea e al disegno, con la maturità, dagli anni ’30, le sue visioni si stemperano in morbide modulazioni di materia-colore di ascendenza franzoniana, fino a raggiungere una luminosità rarefatta in atmosfere di silenzio. I soggetti che caratterizzano la sua produzione, sovente ispirati al paesaggio delle rive locarnesi del lago Maggiore – le lanche e i Saleggi – e alla dimensione più semplice della quotidianità familiare e dell’ambiente contadino, si velano progressivamente di una nostalgia nei confronti di tempi ormai perduti. Di fronte alle nuove realtà, Nizzola porta a esempio la verità di un paesaggio naturale, di un fiore, di una bestia, di un’umanità essenziale, fatta di calore e di semplicità. Anche nelle decorazioni d’interni – purtroppo scomparse o deteriorate con gli anni – Nizzola privilegia il dato di natura, come sottolinea in un suo motto ricorrente: «Un ambiente, se non contiene un elemento naturale, può ammazzare gli entusiasmi della gente sensibile che vi abita e può rendere l’animo cattivo». La sua opera si protrae con forte coerenza fino agli anni ’60 nel solco della tradizione lombarda tardo-ottocentesca, venata dal sentimento poetico delle piccole cose, espressione di una sensibilità istintiva che lo avvicina ad altri maestri di area lombarda suoi contemporanei, appartati nella periferia delle città, come il luganese Filippo Boldini.

Opere: Bellinzona, Museo Villa dei Cedri; Lugano, Museo cantonale d’arte; Lugano, Museo civico di belle arti.
Fonti: Locarno, Archivio della città di Locarno, Archivio Nizzola, documentazione relativa alle opere.

Marcella Snider Salazar, 2008

 

https://www.google.com/search?q=bruno+nizzola&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwiziKS89sfgAhWt6uAKHemAAtEQ_AUIDigB&biw=1334&bih=668

https://m4.ti.ch/fileadmin/DECS/DS/Rivista_scuola_ticinese/ST_n.108/ST_108_Case_omaggio_a_Bruno_Nizzola_alla_galleria_SPSAS_Locarno.pdf

 

Fotografie di NIZZOLA Bruno

  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC

© 1999 - 2019 Art Gallery L'UOVO DI LUC | Spazio Arte Mappale 249 | Via Virano | 6814 Cadempino