Biografia

Fabio Pusterla, * 3.5.1957 Mendrisio. Laureato in lettere moderne con Maria Corti all'Università di Pavia, insegna al Liceo Cantonale di Lugano 1 e all'Università della Svizzera italiana a Lugano; ha tenuto per alcuni anni corsi presso l'Università di Ginevra. È stato tra i fondatori della rivista letteraria "Idra", edita a Milano da Marcos y Marcos. È attivo come poeta, traduttore (soprattutto dal francese, con qualche incursione nella letteratura portoghese) e saggista. Collabora a giornali e riviste in Svizzera e in Italia. Ha diretto l'edizione critica delle opere di Vittorio Imbriani e pubblicato saggi, traduzioni, volumi di versi.

Caratterizzata in partenza da un forte influsso espressionista (come ha notato Pier Vincenzo Mengaldo),ma con venature più pacate che la inseriscono nella tradizione anceschiana della Linea Lombarda (Giorgio Orelli e Vittorio Sereni),la poetica di Pusterla è andata sempre più avvicinandosi a una poesia dal forte contenuto civile (si veda in particolare Folla sommersa),mentre l'esperienza di traduzione legata strettamente a Philippe Jaccottet lo ha portato a una sempre maggior attenzione agli oggetti del quotidiano, alle vite e cose dimenticate (Cfr. Le cose senza storia),rafforzata probabilmente dalla provenienza geografica decentrata (Pusterla è cresciuto in una città di frontiera, Chiasso, e insegna attualmente a Lugano, nella Svizzera di lingua italiana). Del suo lavoro come traduttore, condotto attraverso un recupero dei materiali poetici del Novecento italiano, ha scritto Pier Vincenzo Mengaldo: "si può dire che il poeta ticinese ha realizzato in queste versioni, con nobiltà di patina ma stringatezza di scrittura, un'eccellente triangolazione fra Jaccottet, se medesimo e il senso della lingua poetica italiana".

Nel 1985 è stato il vincitore del Premio Internazionale Eugenio Montale, sezione editi. Nel 2007 gli è stato conferito il secondo più importante premio letterario svizzero (secondo solo al Gran Premio Schiller): il Premio Gottfried Keller. Nel 2009 la "collana bianca" dell'editore Einaudi ha pubblicato un'antologia di poesie del periodo 1985-2008, sotto il titolo Le terre emerse, con il quale nel 2009 ha vinto la sezione poesia del Premio Giuseppe Dessì.

Sulla sua figura il regista Danilo Catti ha realizzato il documentario Salamandre, gatti ciechi, rotaie, nell'ambito del ciclo "Lettere dalla Svizzera" (produzione SRG SSR idéé suisse, 1998).

Tra i principali riconoscimenti, il Premio Montale (1986),il Premio Schiller (1986, 2000, 2010),il Premio Dessì (2009); i Premi Prezzolini (1994),Lionello Fiumi (2007) e Achille Marazza (2008) per la traduzione letteraria; il Premio Gottfried Keller (2007),il Premio Svizzero di Letteratura (2013) e il Premio Napoli (2013) per l'insieme dell'opera.

 

Fabio Pusterla è nato a Mendrisio nel 1957. Laureato in lettere moderne presso l'Università di Pavia, vive e lavora tra la Lombardia e la Svizzera, dove insegna lingua e letteratura italiana presso il Liceo cantonale e l’Università di Lugano; ha tenuto per alcuni anni dei corsi presso l’Università di Ginevra.  È stato tra i fondatori della rivista letteraria "Idra", edita a Milano da Marcos y Marcos. È attivo come poeta, traduttore (soprattutto dal francese, con qualche incursione nella letteratura portoghese) e saggista. Collabora a giornali e riviste in Svizzera e in Italia. Dal 2014 è professore titolare presso l'ISI di Lugano.

Oltre a numerosi saggi di argomento linguistico e letterario, ha pubblicato con Claudia Patocchi il volume Cultura e linguaggio della Valle Intelvi (Senna Comasco, 1983; ristampa 2006),e con Angelo Stella e Cesare Repossi l'antologia Lombardia (Brescia, La Scuola, 1990). Ha inoltre curato per la Fondazione Bembo l'edizione critica delle opere narrative di Vittorio Imbriani (3 voll., Milano, Longanesi-Guanda, 1992-1994). Nel 2007 ha pubblicato il volume di prose critiche Il nervo di Arnold. Saggi e note sulla poesia contemporanea (Milano, Marcos y Marcos); del 2012 il libro di prose e saggi in parte autobiografici Quando Chiasso era in Irlanda (Casagrande, Bellinzona). I suoi interventi sulla scuola e sull’insegnamento sono raccolti nel libro Una goccia di splendore. Riflessioni sulla scuola (nonostante tutto) (Casagrande, Bellinzona, 2008). Ha anche curato una raccolta di scritti dei suoi studenti liceali relativi alla lettura, con il titolo Grandi avventure di giovani lettori (Dadò, Locarno, 2012). Insieme a Elisabetta Motta ha infine dato alle stampe il volume Colori in fuga (La vita felice, Milano, 2012).

Fra le sue traduzioni, si ricordano quella di numerose raccolte poetiche di Philippe Jaccottet (Il Barbagianni. L'Ignorante, con un saggio di Jean Starobinski, Torino, Einaudi, 1992; Alla luce d’inverno. Pensieri sotto le nuvole, Milano Marcos y Marcos, 1997); E, tuttavia, seguito da Note dal botro (ivi, 2006) e dei versi raccolti nel volumetto Edera e calce (Ancona, 1995). Sempre di Jaccottet ha tradotto le prose di viaggio italiane contenute in Libretto (Milano, Scheiwiller, 1995),il volume Paesaggi con figure assenti (Locarno, Dadò / Coll. CH, 1996, poi 2009),il saggio Austria (Torino, Bollati Boringhieri, 2003),il libro La ciotola del pellegrino (Casagrande, Bellinzona, 2007) e l’ampia antologia La poesia romanda (Dadò, Locarno, 2012). Ha inoltre tradotto e prefato il romanzo Adagio dello scrittore portoghese Nuno Judice (Sestante, Ripatransone, 1994),e vari testi in prosa e in poesia di Yves Bonnefoy (Antiplaton),Nicolas Bouvier (da Le dedans et le dehors),André Frénaud, Guillevic, Maurice Chappaz, Corinna Bille, Eugenio De Andrade, Benjamin Fondane, Jean-Luc Nancy apparsi in rivista o in antologie. Ha curato l'antologia della poesia francese contemporanea Nel pieno giorno dell'oscurità (Milano, Marcos y Marcos, 2000) e il volume Piccole storie crudeli di Corinna Bille (Bellinzona, Casagrande, 2001).

Sua la Prefazione, intitolata Le parti de la clartè all'edizione complessiva dell'opera di Philippe Jaccottet apparsa nel 2014 nella Bibliothéque de la Pléiade.

In campo poetico, accanto alle pubblicazioni in riviste o antologie, è autore dei libri Concessione all’inverno (con prefazione di Maria Corti, Bellinzona, Casagrande, 1985, 2001), Bocksten (Milano, Marcos y Marcos, 1989, 2003), Le cose senza storia (ivi, 1994, 2007), Isla Persa (Locarno, I semi del Salice, 1998), Laghi e oltre (con Alida Airaghi e Anna Felder, Lietocollelibri, 1999),  Pietra sangue (Milano, Marcos y Marcos, 1999), Folla sommersa (ivi, 2004); e delle plaquettes Sotto il giardino (con versione francese e tedesca, Losanna, 1992), Tra la terra e il cielo (con Antonio Rossi e Francesco Scarabicchi, incisioni alla maniera nera di Alberto Rocco e un'introduzione di Massimo Raffaeli), Danza macabra (Lietocollelibri, 1995), Bandiere di carta (a cura di Fabrizio Mugnaini, Scandicci, 1996), Movimenti sull'acqua (Lietocollelibri, 2003), Ipotesi sui castori (Flussi, Valmadrera , 2002), Sette frammenti dalla terra di nessuno (ivi, 2003) e Le storie dell’armadillo (I Quaderni d’Orfeo, Milano, 2006). In collaborazione con l'artista Massimo Cavalli ha inoltre realizzato il libro d'arte Pietre, per le edizioni Sassello di Novazzano (2001); con l'artista Luca Mengoni le cartelle Drosofile (2003) e Corpo stellare (2005); con Adalberto Borioli Caverna d’infanzia (2007); per le edizioni Pulcinoelefante numerosi volumetti (Fiume, Deposizione, Nel mese di gennaio, febbre, dum vacat, Leo corre, Vento su rose, Anagrammi, Le pietre verdi),in collaborazione con gli artisti Luciano Ragozzino, Franco Spazzi, Jgor Ravel, Gianni Bolis e Adalberto Borioli; nella collana Il robot adorabile ha infine pubblicato il testo Oltre le onde, con una fotografia di Mario De Biasi, e la plaquette Terra ritrovata (con tempere di Adalberto Borioli),mentre con Samoa Remy ha realizzato il libro d’arte Sulle rive, tra le foglie, sui rami (Lithos, 2008). Del 2010 il libro d’arte Luogo basso, con cinque serigrafie dell’artista Jean-Michel Jaquet (edizioni sottoscala) e la raccolta di prose giocose Sinsigalli (con gronchi, carrubi e mestizzi) (edizioni d’If, Napoli, 2010). Del 2014 è il libro d'arte Versi dell'assenza di luce, edito da Joseph Weiss a Mendrisio, con tre incisioni dell'artista Bruno Biffi.

Nel 2009 è apparso un ampio volume antologico Le terre emerse. Poesie 1985-2008 (Torino, Einaudi, 2009)  che riassume buona parte della sua ricerca poetica; la raccolta più recente si intitola invece Corpo stellare (Marcos y Marcos, 2010). Il suo prossimo volume, Argéman, è in corso di stampa per i tipi della Marcos y Marcos.

Le sue opere poetiche sono tradotte in francese (Me voici là dans le noir, trad. di Mathilde Vischer, Lausanne, Empreintes, 2001; Une voix pour le noir, trad. di Mathilde Vischer, pref. di Philippe Jaccottet, Lausanne, Ed.D'en Bas, 2001; Deux rives, trad. di Philippe Jaccottet e Béatice de Jurquet, Le Chambon-sur-Lignon, Cheyne, 2002; Le choses sans histoire, trad. di Mathilde Vischer, Lausanne, Empreintes, 2002; Ultimes paysages, trad. di Eric Dazzan, prefaz. di Casimir Prat, Jögun, L’Arrière-Pays, 2009), Histoires du tatou (trad. di Mathilde Vischer, Zoé, 2010), Dortoir des Ailes (trad. di Claude Cazalé, Calligrammes, 2013),tedesco (Solange Zeit bleibt, trad. e pref. di Hanno Helbling, postf. di Massimo Raffaeli, Zürich, Limmat Verlag, 2002; un’ampia scelta anche nel volume AA.VV, Das Gewicht eines gewendeten Blattes / Il peso di un foglio girato, a c. di Jacqueline Aerne, Orlando Budelacci e Thierry Greub, postfaz. Di Vincenzo Mengaldo, ivi, 2004; Zur Verteidigung der Schule, trad. di Barbara Sauser, Limati Verlag, 2010; Bocksten, trad. di Jacqueline Aerene, ivi 2010 e nel numero speciale della rivista tedesca Metaphorà, 3/4, 1998, a c. di Michael von Killisch-Horn) e serbo (Stvari bez istorije, Beograd, Radbooks, 2003; Potopljena gomila, 2007; entrambi tradotti da Dejan Illic). Numerose le traduzioni, in queste e in altre lingue, apparse in riviste o antologie. Del 2008 è il volume Bocksten, nella versione spagnola di Rafael-José Diaz, accolta nelle edizioni Qualéa; del 2012 l’antologia in lingua inglese Days full of caves and tigers, curata da Simon Knight, presso Arc Plublications.

Sulla sua figura il regista Danilo Catti ha realizzato il documentario Salamandre, gatti ciechi, rotaie, nell'ambito del ciclo "Lettere dalla Svizzera" (produzione SRG SSR idéé suisse, 1998).

Tra i principali riconoscimenti, il Premio Montale (1986),il Premio Schiller (1986, 2000, 2010),il Premio Dessì (2009); i Premi Prezzolini (1994),Lionello Fiumi (2007) e Achille Marazza (2008) per la traduzione letteraria;  il Premio Gottfried Keller (2007),il Premio Svizzero di Letteratura (2013) e il Premio Napoli (2013) per l’insieme dell’opera.

testo ripreso da: https://search.usi.ch/it/persone/5dae7610d9d327f8a89004911f5a755b/pusterla-fabio-angelo

 

Link:

 

https://www.google.com/search?q=fabio+pusterla&source=lnms&tbm=isch&sa=X&sqi=2&ved=2ahUKEwiUnKX7wbjzAhVZSPEDHe9DBt8Q_AUoAXoECAEQAw&biw=1792&bih=899&dpr=0.94

https://www.rsi.ch/speciali/cultura/elogio-della-follia/biografie/Fabio-Pusterla-7160948.html

https://www.rsi.ch/rete-tre/programmi/intrattenimento/baobab/Fabio-Pusterla-immersi-nelle-parole-10984883.html

https://formavera.com/2018/09/17/fabio-pusterla-cenere-o-terra/

https://www.rsi.ch/news/vita-quotidiana/cultura-e-spettacoli/Consegnato-il-premio-Lavezzari-205675.html

https://123dok.net/document/7qv14ldq-tempo-leggere-goccia-splendore-fabio-pusterla.html

https://www.tio.ch/archivio/poestate/1146014/il-mestiere-di-poeta-secondo-fabio-pusterla

https://direpoesia.wordpress.com/tag/fabio-pusterla/

https://naufraghi.ch/fabio-pusterla-le-forsizie-di-giorgio-orelli/?fbclid=IwAR3kk8Gfg35q5aw3IsLynsEMfB-VD3mdLrid2EPeBRAPnJpHAKwo1dewEdU

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Fotografie di PUSTERLA Fabio

© 1999 - 2021 Art Gallery L'UOVO DI LUC | Spazio Arte Mappale 249 | Via Virano | 6814 Cadempino