Biografia

Franco Rognoni, * 20.09.1913 Milano, † 11.03.1999 Milano. Frequenta i corsi serali presso la Scuola Superiore d'Arte del Castello Sforzesco di Milano dove insegna Arte Applicata il pittore Gianfilippo Usellini. Nel 1946, a Milano, sposò Mariuccia Noè  (* 1919 Milano, † 06.09.2016 Milano). La sua formazione artistica, quasi interamente da autodidatta, lo porta a godere e capire molto presto le nuove forme d'arte e ad amare artisti come Modigliani, Sironi, Licini e gli stranieri Picasso, Chagall, Rouault, Beckmann, Grosz, Klee, Kokoschka. Ma la svolta della sua formazione artistica avviene frequentando la ricchissima biblioteca del critico d'arte Raffaello Giolli dove, attraverso le riproduzioni, studia l'opera degli artisti stranieri che lo entusiasmano e lo stimolano molto. La sintesi biografica non può ignorare la profondità con la quale Rognoni ha fatto propri stimoli umani, culturali ed artistici. Ne sono conferma le amicizie e le intense frequentazioni negli anni con il poeta e coetaneo Vittorio Sereni, con il filologo Dante Isella e il rapporto di collaborazione e affetto con il musicista Riccardo Malipiero. Tra gli incontri più significativi della maturità emerge quello con Leonardo Sciascia del quale illustra con sei acqueforti la Storia della povera Rosetta. Uno dei luoghi di grande rilievo che ha influito sulla vita artistica e umana del Maestro è stata la Galleria Annunciata, come già ricordato, diretta da Bruno Grossetti e punto d'incontro per letterati ed artisti tra i più significativi del momento.

 

Links:

http://www.francorognoni.it/

https://www.google.com/search?q=franco+rognoni+luino&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwiKz6HJ1Y3lAhVnwosKHUdgCw84ChD8BQgSKAE&biw=1344&bih=731

https://www.luinonotizie.it/2019/07/23/luino-dialogo-sulla-terrazza-con-vittorio-sereni-franco-rognoni-e-piero-chiara/239620

https://www.luinonotizie.it/2019/09/14/luino-da-palazzo-verbania-la-casa-di-franco-rognoni-visita-alle-stanze-dipinte/247387

https://www.cannobiocultura.it/file_upload/p1djrasg7d12t619tedu315cks1a7.pdf

 

Francesco Franco, Treccani:

ROGNONI Franco, nacque a Milano il 20 settembre 1913, da Giuseppe e da Giuseppina Carabelli.Nel 1932 si diplomò alla Scuola di tessitura della Società d’incoraggiamento d’arti e mestieri di Milano. Nel 1933 cominciò a frequentare l’ambiente gravitante attorno alla galleria del Milione e alla galleria Pesaro. I suoi principali riferimenti artistici furono soprattutto Mario Sironi, Osvaldo Licini, George Grosz, Marc Chagall, Paul Klee, Max Ernst e Pablo Picasso. Nel 1934 iniziò a collaborare, come disegnatore, con La rivista illustrata del popolo d’Italia e con Sovrana. Fra il 1935 e il 1936 frequentò la Scuola superiore d’arte sacra del Castello Sforzesco, nel distaccamento di piazza Cavour. Nel 1936 conobbe Mariuccia Noè, studentessa del liceo Parini (Regesto, in Franco Rognoni. Opere..., 2003, p. 150). Nel 1938 iniziò la pubblicazione di disegni e illustrazioni sul quotidiano L’ambrosiano. Nello stesso anno tenne una personale di disegni alla galleria Piccola mostra e partecipò ad alcune esposizioni collettive, fra le quali si segnala «Dopo il Novecento», alla galleria Barbera, con importanti artisti italiani (pp. 150 s.). Dalla fine degli anni Trenta in poi la partecipazione alle mostre collettive e le collaborazioni con la stampa divennero tanto frequenti da non poter essere qui menzionate, come già fatto quasi interamente in altre sedi (pp. 152-191). Nel 1939 partecipò a una collettiva presso il negozio Vemar, insieme a importanti artisti italiani, come Lucio Fontana. Nel 1940 non venne richiamato alle armi, per la sua gracile costituzione, e riuscì quindi a non interrompere completamente la collaborazione con la stampa e l’attività espositiva. Sempre nel 1940 partecipò alla «Mostra de “La Rotonda”. 25 artisti 25» (pp. 150 s.). Nel 1942 (poi anche nel 1947) tenne una personale alla galleria 15 Borgonuovo e, a causa degli eventi bellici, si trasferì a Luino sul lago Maggiore. Nel 1943 espose alla «Mostra del disegno italiano» della galleria Cairola.

Nel 1945, dopo la liberazione di Milano, tornò a stabilirsi in città e intensificò le collaborazioni con gli editori come illustratore (pp. 153-155). Nel 1946, a Milano, sposò Mariuccia Noè. Nello stesso anno partecipò alla II Mostra d’arte contemporanea del fondo Matteotti al ridotto della Scala, insieme ad artisti italiani quali Carlo Carrà, Giorgio De Chirico e Giorgio Morandi. Nel 1947 tenne una personale alla galleria L’Annunciata di Bruno Grossetti (come fece frequentemente negli anni successivi). Sempre nel 1947 iniziò a collaborare con l’Avanti!, realizzando disegni a carattere satirico (pp. 156, 158, 162-164, 171, 176, 178). Nel 1948 espose alla libreria Denti di Como. Lino Saltini, in una recensione a questa mostra, gli rimproverò di seguire troppo Scipione (Gino Bonichi) e di voler apparire «nuovo e alla moda» (Saltini, 1948).

Nel 1949 tenne una personale alla Saletta dell’Orso di Biella, dove espose disegni e ciottoli dipinti (questi ultimi li presentò anche in una collettiva alla galleria L’Annunciata, dedicata ai regali di Natale d’autore; B. M., 1949). Nel 1950 espose in un’altra personale alla galleria dello Scorpione di Trieste, oltre che in alcune collettive, fra le quali si segnala la mostra del Concorso per la illustrazione del libro alla Galleria nazionale d’arte moderna di Roma. Nel 1953 Guido Ballo scrisse un testo critico per una personale alla galleria Montenapoleone 6A (dove le sue opere furono esposte anche l’anno seguente). Nel 1957 iniziò a collaborare come scenografo con la RAI TV e con la Compagnia dei pupazzi di Maria Perego (fino al 1962). Nel 1959 firmò le scene e i costumi per un’opera al teatro La Fenice di Venezia, nell’ambito del XXII Festival internazionale di musica contemporanea. Fra le esposizioni personali del 1960, l’attenzione della stampa si soffermò in particolare sulla mostra della galleria L’Annunciata (Regesto, in Franco Rognoni. Opere..., 2003, pp. 163 s.; GNAM, Archivio bioiconografico).

La critica fu abbastanza concorde nell’evidenziare nell’artista le influenze di Grosz, Chagall ed Ernst. Luciano Budigna (1960) si soffermò sulla «abilità e l’astuzia da antico orafo» di Rognoni. Altri sottolinearono una particolare tristezza di Rognoni, definito «un bambino che tenta di evadere dalla sua malinconia contemplando le bolle di sapone» (Mostre d’arte, 1960). Nel 1961 tenne una personale alla galleria La Muffola e fra la fine dello stesso anno e i primi giorni del seguente ne tenne un’altra alla galleria L’Annunciata, ricevendo varie recensioni critiche, quasi tutte positive (ma cfr. Le mostre d’arte, 1962).

Nel 1965, stando a una lettera di Grossetti, avrebbe voluto essere invitato alla IX Esposizione Quadriennale di Roma, senza sottoporsi al giudizio della commissione di accettazione. Purtroppo il segretario della Quadriennale, Fortunato Bellonzi, rispose che, non facendo parte della commissione, poteva solo riferire a essa i desideri che gli venivano manifestati (Grossetti, 1965; Bellonzi, 1965).

Nel 1967 espose alla galleria Sansovino di Vittorio Veneto (D. B., 1967) e tenne una personale alla galleria Zanini di via del Babuino 41A a Roma (Del Massa, 1967). Nel 1969 venne organizzata una personale alla galleria La Lanterna di Trieste (Rognoni alla Lanterna, 1969) e fu presente alla Prima triennale dell’incisione al palazzo della Permanente (poi anche nel 1980, nel 1986, nel 1990; Regesto, in Franco Rognoni. Opere..., 2003, pp. 169, 179, 182 s.). Nel 1972, nella galleria del Parlamento nel palazzo Carignano di Torino, tenne una personale delle sue opere grafiche (pp. 175 s.). Nel 1983 venne nominato accademico corrispondente dell’Accademia nazionale di San Luca. Nel 1984 espose alla Biennale nazionale d’arte al palazzo della Permanente (poi anche nel 1987, nel 1990 nell’ambito della mostra «Arte in permanente», e nel 1993; pp. 181-183, 188). Nel 1991 tenne una personale alla galleria Poma, a Morcote (Svizzera),come fece poi nel 1993 e nel 1997 (pp. 184, 187, 189). Morì a Milano l’11 marzo 1999.

Sono state organizzate varie mostre postume di Rognoni, soprattutto in gallerie private, e le sue opere sono apparse in alcune collettive. Oltre 850 sono i lavori passati sul mercato delle aste dalla fine degli anni Ottanta a oggi. Fra le collezioni pubbliche o fondazioni che le ospitano si segnalano: la Società per le belle arti ed Esposizione permanente, la Collezione della Fondazione Davide Lajolo e la Fondazione Corrente (tutte a Milano); Il Museo d’arte di Gallarate - MAGA e il Civico Museo Parisi-Valle di Maccagno (Varese); la Pinacoteca Repossi di Chiari (Brescia); la Collezione Luca Crippa e il Museo civico di Seregno (Milano); il MAGI ’900 – Museo delle eccellenze artistiche e storiche di Pieve di Cento (Bologna).

Fonti e Bibl.: Milano, Archivio privato Franco Rognoni; Milano, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, Rosa e Ballo Editori, Direzione editoriale, Corrispondenza autori, collaboratori, R. F., cartella 5, f. 7 (carteggio); Roma, Archivio della fondazione La Quadriennale (ArBiQ),busta R. F., B. Grossetti, Lettera a F. Bellonzi, Milano 27 aprile 1965; F. Bellonzi, Lettera a B. Grossetti, Roma 29 aprile 1965 (si conservano anche alcuni cataloghi rari, inviti di mostre, articoli e un’incisione originale firmata); Roma, Galleria nazionale d’arte moderna (GNAM),Archivio bioiconografico, R. F. (moltissimi articoli e trafiletti, non tutti presenti nelle bibliografie, e qualche catalogo raro); M. R., senza titolo, in L’Italia, 13 gennaio 1947; L. Saltini, Como. F. R. alla libreria Denti, in Il Giornale dell’arte, 17 febbraio 1948; Senza titolo, in Il Lambro, 28 aprile 1949; B. M., Regali per natale, in Grazia, 24 dicembre 1949, p. 24; R. M., Mostra d’arte. La personale di F. R., in Il corriere di Trieste, 25 febbraio 1950; D. Villani, senza titolo, in Gazzetta di Mantova, 25 gennaio 1959; Gi. Mas. (G. Mascherpa), Controluce. F. R. “Settembre”, in L’Italia, 26 febbraio 1959; Mostre d’arte. F. R., in Il Popolo, 15 maggio 1960; Due pittori in controcanto, in La notte, 20 maggio 1960; L. Budigna, senza titolo, in La Fiera letteraria, 5 giugno 1960; R. alla Muffola, in Avanti!, 18 febbraio 1961; A. Longa, senza titolo, in La penna, 15 dicembre 1961; Le mostre d’arte, in Il Popolo, 2 gennaio 1962; F. Passoni, F. R. è un pittore…, in Avanti!, 28 aprile 1964; D. B., Il pittore R. alla galleria Sansovino, in Il Gazzettino, 18 giugno 1967; A. Del Massa, Mostra personale di F. R. (invito della Galleria Zanini, con testo critico),Roma 1967; R. alla Lanterna, in Il Messaggero veneto, 28 febbraio 1969; Mostre d’arte. R., in Il piccolo, 4 marzo 1969; N. Miglierina, La pittura illustrata e sognante del luinese F. R., in La prealpina, 26 marzo 1970; P. Carpi, Esplorando gli studi degli artisti: F. R., in Autoclub, maggio 1971, pp. 37, 39; D. Lajolo, Le donne fantastiche di R., in Il mondo, 26 febbraio 1976, p. 74; R. Sanesi, F. R., Milano 1980; L. Mascheroni, Lancia in testa..., in Il Giornale, 11 dicembre 2003; F. R. Opere 1931-1998. Interni/esterni (catal., Milano),a cura di L. Cavallo, Cinisello Balsamo 2003 (in partic. Regesto biobibliografico, pp. 150-191); F. R. Opere scelte (catal.),Milano 2007; F. R. (catal.),Milano 2009; F. R. Opere 1950-1999, a cura di V. Agosti, Mantova 2010; S. Carnevali, Dico di F. R., Roma 2015; F. R., a cura di E. Pontiggia, Torino 2015.

 

Riconoscimenti / mostre

1939: Giò Ponti invita Rognoni a collaborare con la VII Triennale di Milano realizzando dei disegni.

1947: Nancy, Rognoni vince il primo premio per l'incisione all'Esposizione Internazionale.

1950: Trieste, Rognoni vince uno dei premi speciali della giuria alla Settima Mostra della caricatura organizzata dall'ENAL, dall'Ente per il Turismo e dall'Associazione Stampa Giuliana.

1953: Mostra del Disegno per il Decennale della Resistenza a Biella, 25 aprile/2 maggio. Rognoni riceve un premio acquisto. L'opera viene collocata nel Museo di Biella.

1953: Mostra Nazionale dell'Incisione e del Disegno. Lecco 11/25 settembre, in occasione delle celebrazioni manzoniane. Rognoni vince il secondo premio ex-aequo.

1956: Maggio. Concorso per il manifesto murale in occasione del Primo Festival della canzone milanese indetto dalla Famiglia Meneghina e l'Ente Provinciale per il Turismo di Milano. Rognoni vince il primo premio.

1957: Lettera di incarico della RAI - Radiotelevisione Italiana per fornire i bozzetti delle scene e i costumi della Mavra di Stravinskij.

1960: Palermo, Mostra Nazionale di Pittura Contemporanea. Premio Città di Palermo. Rognoni vince il Premio Città di Palermo ex aequo con Emilio Scanavino.

1961: Premio Marche Mostra Nazionale d'Arti Figurative. Ancona. Rognoni vince il Premio acquisto Presidente Camera dei Deputati.

1964: Palermo Mostra Nazionale di Arti Figurative "L'arte contro la mafia". Rognoni vince il primo premio.

1964: Con lettera dell'architetto Mario Gottardi per conto della Soc. Italia Costr. 1577 Ansaldo Genova, vengono approvati i bozzetti di Rognoni per la decorazione di quattro pannelli nella sala delle feste della Michelangelo.

1968: Como, "Sesto Premio Internazionale di Pittura". Rognoni riceve la medaglia d'oro dell'Unione Industriali di Como.

1968: Milano, Castello Sforzesco. "Premio Grazia di Pittura Contemporanea". Rognoni vince il premio a parità con altri quattro artisti.

1972: Torino, Palazzo Carignano. Mostra Nazionale in bianco e nero. "Mazzini, il volto, la figura, un episodio" A Rognoni viene attribuita una medaglia d'oro insieme ad altri tre artisti. La mostra sarà portata anche a Zurigo, Ginevra, Berna.

1972: Civica Galleria di Campione d'Italia. "Ottavo premio di pittura internazionale Campione d'Italia". A Rognoni viene conferito il premio ex aequo.

1972: Torino, Galleria del Parlamento, Palazzo Carignano. L'Associazione Amici Museo Nazionale del Risorgimento dedica una mostra a Rognoni "Franco Rognoni. Retrospettiva grafica 1944 / 1970". La mostra viene inaugurata dal Ministro del Turismo e dello Spettacolo on. Vittorio Badini Confalonieri.

1973: Il Comune di Alessandria nel Palazzo Comunale organizza la mostra proveniente da Torino "Franco Rognoni. Retrospettiva grafica 1944 / 1970"

1973: Como, Premio di pittura "Colonnina d'oro Manlio Rho" Medaglia d'oro del Presidente della Repubblica a Franco Rognoni.

1978: Ancona, "Ginestra d'oro del Cònero". Rognoni vince un primo premio a parità con altri artisti.

1983: Franco Rognoni viene nominato accademico dell'Accademia Nazionale di San Luca.

1983: Milano Il numero 235 - 36 della Rassegna internazionale di arti e scienze e lettere "Valigia diplomatica" è dedicato a Franco Rognoni.

1988: Pescara, Rognoni riceve il primo premio "Città di Pescara Ex Libris - D'Annunzio 88".

1995: Novosibirsk, Rognoni viene invitato a partecipare alla mostra "Pittura e Grafica italiana" con altri undici pittori.

2003: Milano, "Franco Rognoni. Interni/Esterni", mostra antologica che il Comune di Milano dedica a Rognoni come riconoscimento della sua presenza nella pittura e cultura milanese e come omaggio all'artista dopo la sua morte.

 


Fotografie di ROGNONI Franco

  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC
  • Art Gallery L'UOVO DI LUC

© 1999 - 2021 Art Gallery L'UOVO DI LUC | Spazio Arte Mappale 249 | Via Virano | 6814 Cadempino