Biografia

Italo Valenti nacque a Milano[1] il 29 aprile 1912, figlio di commercianti benestanti. La sua fu un'infanzia felice, anche nell'assenza dei genitori[2], passata nella casa milanese rallegrato dai racconti di favole della nonna[3] che saranno continua fonte d'ispirazione per la sua arte. A sette anni si trasferì a Vicenza; nella città veneta frequentò la Scuola di Arti e Mestieri e cominciò a lavorare presso un orefice[4]. Fu il teosofo Libero Augenti a fargli scoprire che tutte le arti sono in connessione fra di loro[5]. Tenne la sua prima personale a Valdagno[6] nel 1932. Si iscrisse poi all'Accademia di Venezia e poi all'Accademia di Brera dove fu allievo di Aldo Carpi e di Eva Tea. A quest'epoca risalgono anche i primi viaggi a Parigi e in Belgio alla scoperta di Cézanne, e della pittura impressionista e post-impressionista[7].

Nel 1937 entrò[8] nel movimento di Corrente con SassuLuciano AnceschiGuttusoFontanaBirolliCassinariRaffaele De GradaTreccaniBeniamino JoppoloSalvatore QuasimodoMignecoMorlottiVittorio Sereni ed altri[9], che facevano riferimento all'impegno civile e sociale dell'arte espressionista per superare il provincialismo e la retorica dell'arte italiana. La partecipazione di Valenti all'attività del gruppo fu intensa: la cifra distintiva della sua pittura figurativa era da ritrovarsi nel trasognato e onirico lirismo che fece parlare di "primitivismo fantastico", già teso alla stilizzazione della figura che approderà in seguito alle forme astratte.

Nel 1938 cominciò la sua carriera di insegnante presso la Scuola libera del nudo di Brera, dove insegnerà fino al 1952[10], quando si trasferì definitivamente in Svizzera, a Locarno[11]. Qui entrò in contatto con il gruppo di artisti che si ritrovava in quel periodo ad Ascona (Jean ArpBen NicholsonRemo Rossi e Julius Bissier) e questo lo portò ad un progressivo ripensamento della sua pittura: la dimensione narrativa, più propriamente figurativa, venne progressivamente meno, mentre si affermò sempre più una ricerca sugli effetti cromatici e spaziali che lo portarono ad una fase di "astrazione lirico informale"[12]. I temi onirici del "primitivismo fantastico" erano ancora presenti: le maghe, la serie dei cerfs volant, delle lune, dei teatrini, delle stazioni, dei battelli; ma lo stile era completamente diverso: la composizione si frantumava in triangoli, trapezi, rombi, simboli primordiali ed enigmatici dotati di una propria "leggerezza pensosa"[13].

È fra i pittori che l'imprenditore Giuseppe Verzocchi contattò per la sua raccolta di opere sul tema del lavoro: tra il 1949 e il 1950, Valenti realizzò Le locomotive (1949-1950),quadro che, insieme all'Autoritratto, è oggi conservato nella Collezione Verzocchi, presso la Pinacoteca Civica di Forlì.

La sua pittura è sempre più pura, pulita, composta di pochi elementi che galleggiano in un vuoto astratto. Così vengono creati i collages astratti[14] dell'ultima produzione artistica, in cui il fanciullesco, il fantastico, l'onirico trovano il loro definitivo equilibrio con il simbolico, l'enigmatico, l'astrazione, in una sintesi vitale e finale. Nel 1985 viene colpito da ictus cerebrale che lo priva della parola e dell'uso del braccio destro. Per questo motivi i collages che seguiranno appartengono a quella che lui stesso chiama "epoca della mano sinistra". Muore il 6 settembre 1995 ad Ascona.

  1. ^Nella zona di Porta Ticinese
  2. ^Il padre era partito per la guerrae la madre si era trasferita a Vicenza per seguire da vicino la succursale dell'azienda di famiglia
  3. ^Guido PioveneItalo Valenti, a cura di Guido Bonfanti, 1943, Novara, Posizione
  4. ^Lavorava anche come miniaturista su smalto
  5. ^Da ricordare anche l'amicizia con Neri Pozza, scrittore ed editore
  6. ^con Giuseppe Marin
  7. ^Al ritorno da questo viaggio gli fu ritirato il passaporto e questo acuì la sua ribellione al fascismo, che lo porterà ad alcuni giorni di carcere nel 1937
  8. ^Ne parla Beniamino Joppoloin Corrente nel 1940
  9. ^Marco Valsecchi, Gli artisti di Corrente, 1963, Comunità, Milano
  10. ^Durante la Repubblica di Salò, fra il 1943e il 1945 rifiutò di insegnare. Riprese nel 1946, assistente del suo maestro Carpi
  11. ^Nel corso di un precedente soggiorno, nel 1950, aveva conosciuto la pittrice Anne de Montet, che diventerà sua moglie
  12. ^Silvio AcatosItalo Valenti, 1987, Lausanne-Paris, La Bibliothèque des Arts
  13. ^Italo CalvinoLezioni americane
  14. ^Italo Valenti, Piccoli collages, con una nota di H.S. Ede, 1980, Milano, Scheiwiller

 

Link:

https://www.google.com/search?biw=1330&bih=718&tbm=isch&sa=1&ei=GDNWXOOrG4z0kgXtg6Zw&q=italo+valenti+&oq=italo+valenti+&gs_l=img.3.4.35i39j0l2j0i30j0i24l3.4946.6035..7311...0.0..0.76.1171.20....1..1....1..gws-wiz-img.aXJrg2UfUEE

 


Fotografie di VALENTI Italo

Art Gallery L'UOVO DI LUC

© 1999 - 2019 Art Gallery L'UOVO DI LUC | Spazio Arte Mappale 249 | Via Virano | 6814 Cadempino